Percorso ciclopedonale del fiume Tevere interrotto: demolito il ponte dell’ansa degli Ornari, a quando la ricostruzione?

Il percorso ciclopedonale del Tevere attraversa le frazioni e i quartieri della zona nord della città di Perugia ed è molto frequentato da tutta la cittadinanza sia come luogo di aggregazione, sia come area di pratica sportiva amatoriale o professionistica, sulle due ruote o a piedi.

Purtroppo da un anno il percorso verde versa in pessime condizioni ed è interrotto: il ponte di collegamento presso l’ansa degli Ornari è stato prima chiuso e poi rimosso e nonostante le rassicurazioni da parte del Vice Sindaco nulla è stato fatto per garantire la continuità di un percorso ciclopedonale che collega tutta la media valle del Tevere e, attraverso il Territorio d’Arna, anche gli itinerari che si snodano fino al Chiascio.

Al Comune di Perugia sono state destinate importanti risorse per la valorizzazione di diverse aree di attrazione naturalistica e di rilevanza strategica per la città: in particolare 2 milioni di euro impegnati per la riqualificazione del percorso ciclopedonale del fiume Tevere, nel tratto Villa Pitignano – Ponte San Giovanni. L’attuale stato di incuria del percorso, vero e proprio itinerario naturalistico ed esempio di mobilità dolce è oggetto da molto tempo di svariate segnalazioni da parte di molti utenti. Alberi pericolanti, cumuli di rifiuti, erbacce rendono difficoltoso il passaggio in molti punti del percorso.

Grazie alla Regione Umbria ora le risorse per realizzare un nuovo ponte sul Rio d’Arna ci sono. Infatti la Giunta Regionale dell’Umbria ha di recente definito e approvato il piano strategico degli interventi che stabiliscono l’utilizzo delle risorse comunitarie assegnate alla Regione dal Fondo Europeo di sviluppo regionale. Considerati gli ultimi sviluppi e il notevole apporto dato dall’assegnazione dei fondi regionali con una nuova interrogazione abbiamo chiesto a Sindaco e Giunta di fornire informazioni certe sulla tempistica che porterà all’esecuzione delle opere il cui progetto di fattibilità tecnica ed economica è stato già approvato, nonché a chiarire i tempi e le risorse che verranno investite per il ripristino del ponte nei presso l’Ansa degli Ornari che, ricordiamo, rispetto alla dimensione contenute contribuisce a svolgere una funzione sociale, sportiva e ricreativa al servizio della comunità.

L’interruzione del percorso verde in questo tratto, ormai da circa un anno, ha avuto l’effetto di allontanare i tantissimi frequentatori abituali, ai pochi che come me continuano ad andarci, non resta che vedere con rammarico un luogo abbandonato e lasciato a se stesso. Pertanto, a fronte delle importanti risorse assegnate dalla Regione, ricostruire il ponte sul Rio d’Arna deve essere una priorità per questa amministrazione.

 


 

INTERROGAZIONE

Oggetto: Manutenzione ordinaria e straordinaria del percorso ciclopedonale del Tevere e ripristino del ponte di legno in corrispondenza dell’ansa degli Ornari.

 

– circa la sussistenza del seguente fatto:

  • Lungo il fiume Tevere insiste un percorso ciclopedonale, che si sviluppa dalla frazione di La Bruna fino al ponte di legno di Ponte San Giovanni.
  • Si tratta di un itinerario naturalistico molto frequentato e vissuto dalla comunità locale, durante tutto il corso dell’anno, non solo con la bella stagione, in quanto va ad inserirsi nelle nuove forme di turismo ambientale: un luogo non solo adatto alle classiche passeggiate, ma sede ideale per trekking, percorsi in mountain bike o pesca sportiva.

– circa la verità del seguente fatto:

  • Negli ultimi anni il percorso ciclopedonale ha subito una drastica riduzione degli interventi di manutenzione sia ordinaria che straordinaria. Svariati alberi sono caduti lungo il percorso rendendo difficile l’attraversamento di alcuni punti sia a pedoni che ciclisti; rami sporgenti e pericolanti incombono sui passanti; erbacce di ogni tipo impediscono il passaggio, le staccionate che delimitano il piano viario sono in molti punti cadute rappresentando un rischio per persone e animali d’affezione che vengono condotti all’interno del parco fluviale.
  • Nessun servizio di pulizia dei cestini è attivo tanto che si riscontrano svariati cumuli di rifiuti lungo tutta l’area con vere e proprie discariche a cielo aperto come all’altezza della variante che collega l’abitato di Collestrada con il percorso del Tevere.
  • La manutenzione straordinaria risulta del tutto assente. Dallo scorso settembre, il ponte di legno esistente in corrispondenza dell’ansa degli Ornari, per motivi di sicurezza, è stato reso inagibile per impedirne l’attraversamento. Tecnici dell’area Risorse ambientali del Comune a seguito di sopralluogo hanno provveduto in un primo momento ad interdirne il transito, visto che, come si apprende dalla relativa determinazione dirigenziale, “il legno risulta in pessimo stato di manutenzione e in corrispondenza degli appoggi le travi risultano ammalorate, e le restanti parti risultano aggredite da funghi e muffe”.
  • Attualmente, la struttura del ponte risulta completamente rimossa – come è possibile notare dalle foto allegate al presente atto – determinando così una interruzione del collegamento all’interno del percorso ciclo pedonale.

– circa la sussistenza del seguente fatto:

  • Nella seduta del Consiglio comunale di febbraio 2017 dedicata al Question time, è stata affrontata un’analoga nostra Interrogazione per conoscere i tempi previsti per la manutenzione del ponte degli Ornari. In quella occasione il Vice Sindaco ha ricordato che con delibera di Giunta n. 319 del settembre 2016 è stato approvato il progetto di fattibilità tecnica ed economica per la riqualificazione della pista ciclabile del fiume Tevere da Villa Pitignano a Ponte San Giovanni; inoltre, ha spiegato che di lì ha poco sarebbero stati realizzati altri due interventi: un attraversamento nella zona di ponte Felcino (Bosco didattico) e il ripristino, appunto, dell’attraversamento nella zona di Ponte Valleceppi, ma ad oggi niente di tutto questo è stato posto in essere.
  • Nel merito, il Vice Sindaco ha convenuto sulla necessità di progettare una nuova struttura, per la quale dovranno essere privilegiate soluzioni tali da limitare al massimo la futura manutenzione. Nel corso della discussione, non sono emersi ulteriori risposte da parte della Giunta, in merito alla realizzazione del manufatto.

– circa la verità del seguente fatto:

  • Il percorso ciclo-pedonale del fiume Tevere è una zona verde di particolare rilievo vista la sua conformazione, la sua estensione e le sue peculiari caratteristiche e non può essere gestita tramite il progetto Adotta il verde che rischierebbe di snaturarne la funzione e il ruolo.
  • La Giunta regionale dell’Umbria ha recentemente approvato la destinazione di importanti fondi all’interno del Piano finanziario Por Fesr 2014 – 2020 da riservare ad interventi di valorizzazione di diverse aree di attrazione naturale e di rilevanza strategica per la città di Perugia. Al Comune di Perugia sono stati assegnati due milioni di euro da destinare proprio alla riqualificazione del percorso ciclopedonale del fiume Tevere, nel tratto Villa Pitignano – Ponte San Giovanni. Molti i provvedimenti auspicati e richiamati nella delibera citata in narrativa, ma in questo contesto si vuole precisare che accanto ad interventi di canalizzazione, consolidamento, sistemazione del piano viabile, resta necessario e prioritario accelerare al massimo i tempi per il ripristino del ponte di legno in corrispondenza dell’Ansa degli Ornari affinché torni ad essere garantita la continuità del percorso ciclo pedonale lungo il fiume Tevere in un punto che risulta essere anche di immissione al percorso principale da altre diramazioni di sentieri/percorsi ciclopedonali. (Collegamento con il percorso Tevere-Chiascio che attraversa il Territorio d’Arna)

– circa i motivi e gli intendimenti della seguente attività del Sindaco/della Giunta:

  • A fornire informazioni certe circa la tempistica che porterà alla esecuzione della delibera di Giunta n. 319 del settembre 2016, considerato anche il recente stanziamento di fondi da parte della Giunta regionale.
    A chiarire i tempi di realizzazione necessari e le risorse destinate alla ricostruzione del ponte in legno in corrispondenza dell’ansa degli Ornari: è necessario che venga ristabilita al più presto la continuità del percorso ciclo pedonale lungo il fiume Tevere per i motivi già esplicitati. Sebbene si tratti di un manufatto dalle dimensioni contenute e dalla portata limitata, esso svolge una funzione sociale, sportiva e ricreativa a servizio della comunità. Inoltre, con l’arrivo della primavera e dell’estate tutto il percorso verde si rianima, diventando un luogo fondamentale per quella parte di città.
Posted in #OpenPg and tagged , , , , , , , , , , , , .