Tutto un altro blog!

27
Apr

Perugia Smart City

La nostra città è stata sempre avanguardia nell’innovazione sociale e tecnologica. Non perdiamo questo coraggio e questo primato.

Noi diamo il nostro contributo con due progetti e tante proposte per costruire una città sia intelligente che sensibile, come abbiamo raccontato qui: http://www.tommasobori.it/perugia-citta-sia-smart-che-sensible/

Di seguito il testo integrale della proposta:

———-

VISTO CHE:

Smart City Index 2016 - Perugia– La classifica Smart City Index 2016, realizzata dalla Ernst & Young in collaborazione con Ericsson, Tim e Intra su oltre 470 indicatori diversi vede Perugia calare di bel 11 posizioni dalla rilevazione precedente (peggior risultato tra le città capoluogo) scendendo dalla 38esima alla 49esima posizione dall’inizio del mandato.

VALUTATO CHE:

– L’anglicismo Smart City, cioè città intelligente, in urbanistica e architettura è un insieme di strategie di pianificazione urbanistica tese all’ottimizzazione e all’innovazione dei servizi pubblici così da mettere in relazione le infrastrutture materiali delle città «con il capitale umano, intellettuale e sociale di chi le abita» grazie all’impiego diffuso delle nuove tecnologie della comunicazione, della mobilità, dell’ambiente e dell’efficienza energetica, al fine di migliorare la qualità della vita e soddisfare le esigenze di cittadini, imprese e istituzioni. Le prestazioni urbane dipendono non solo dalla dotazione di infrastrutture materiali della città (capitale fisico), ma anche, e sempre di più, dalla disponibilità e qualità della comunicazione, della conoscenza e delle infrastrutture sociali (capitale intellettuale e capitale sociale). Quest’ultima forma di capitale in particolare è determinante per la competitività urbana.

EVIDENZIATO CHE:

perugia smart sensible city– Le città intelligenti possono essere identificate e classificate secondo sei assi o dimensioni principali:

  • economia intelligente
  • mobilità intelligente
  • ambiente intelligente
  • persone intelligenti
  • vita intelligente
  • governance intelligente

In particolare dai servizi, alle app, all’uso di sensori, alle infrastrutture e le reti sono queste le grandi aree, che comprendono tanto le reti di telecomunicazione, il trasporto, la vivibilità, l’accesso alla pubblica amministrazione.

CONSIDERATO CHE:

– Il concetto di Smart City si è evoluto nel tempo e ha ormai raggiunto un certo grado di maturità; da singole sperimentazioni in ambiti specifici si è passati ad una logica sistemica che favorisce l’integrazione tra iniziative in diversi settori e la replicabilità di soluzioni di successo sviluppate in determinati contesti. Particolare enfasi è posta sul tema della Sharing Economy, soprattutto nel settore della mobilità, e su come questo trend impatta sulla qualità della vita dei cittadini.

IL CONSIGLIO COMUNALE DI PERUGIA IMPEGNA L’AMMINISTRAZIONE:

perugia smart city– A sviluppare politiche amministrative che abbracciano il concetto di “Smart City” anche nella nostra città coinvolgendo le altre istituzioni locali ed universitarie, le associazioni territoriali e cittadine, le organizzazioni economiche e sociali istituendo un tavolo di lavoro e confronto tra le parti. Occasione da non perdere sono i fondi europei, nazionali e regionali disponibili per milioni di euro rispetto a queste progettualità, in particolare per l’Agenda Digitale ed Agenda Urbana per la città di Perugia.

– In particolare Perugia come Smart City dovrà essere una città la cui comunità ha imparato ad apprendere, adattarsi e innovare. Questo può includere una forte attenzione al fine di conseguire l’inclusione sociale nei servizi pubblici dei residenti urbani (smart card) e rafforzare la partecipazione dei cittadini alla co-progettazione. La sostenibilità in generale è vista come un’importante componente strategica della città intelligente. Il passaggio verso la sostenibilità sociale può essere inteso nella integrazione delle tecniche di partecipazione, come ad esempio la consultazione on-line e la co-progettazione delle modifiche ai servizi, per incentivare la partecipazione degli utenti come cittadini nel processo di democratizzazione sulle decisioni in merito ai futuri livelli di prestazione. La sostenibilità ambientale è importante in un mondo dove le risorse sono scarse e dove le città stanno sempre più basando il loro sviluppo e la loro ricchezza sul turismo e sulle risorse naturali: il loro sfruttamento deve garantire l’uso sicuro e rinnovabile del patrimonio naturale. Questo ultimo punto è legato al business che ha portato allo sviluppo, in quanto il sapiente equilibrio di misure che promuovano la crescita da un lato e la tutela dei deboli dall’altro è una pietra miliare per lo sviluppo urbano sostenibile.

– A progettare soluzioni innovative per reti ed infrastrutture per le utility (banda larga ed ultralarga, illuminazione pubblica, gas, elettricità, teleriscaldamento e acqua), reti ambientali ed energetiche, risparmio ed efficienza energetica. Sensoristica, monitoraggio di aria ed acqua, videosorveglianza e controllo del traffico. Realizzazione di delivery platform integrate ed open data, dematerializzazione di processi e documenti, carte servizi unificate e piattaforme di pagamento online dei servizi cittadini. App, servizi e canali per mobilità, turismo, cultura, impresa, lavoro, formazione, scuola, government e sharing economy.